La bora

     


E anche il tram de Opcina
xe nato disgrazià:
vignendo zo da Scorcola
‘na casa ga ribaltà.
Boona de Dio
ch' Jera giorno de lavor
e drento no ghe iera
che ‘l povero frenador!

che vien e che va,
se ga ribaltà!
E come la bora che vien e che va, che vien e che va,
i disi che ‘l mondo se ga ribaltà!

L'I
talia ga pan bianco, la Francia ga bon vin,
Trieste ga putele
tute carighe de morbin, carbon ga l'Inghiltera, la Rusia ga cavial
e l'Austria ga capuzi che no se pol magnar!

che vien e che va,
se ga ribaltà!
E come la bora che vien e che va, che vien e che va,
i disi che ‘l mondo se ga ribaltà!

E

anche ‘ste mulete
tute mate pe’ l’ capèl,
le zerca de compagnaarse
da qual che bel putel; ma co le ‘riva a casa
se senti un gran bordel,
e pare, mare e fia
copa i zimisi col martel!

che vien e che va,

se ga ribaltà!
E come la bora che vien e che va, che vien e che va,
i disi che ‘l mondo se ga ribaltà,
se ga ribaltà,
se ga ribaltà!