La bora

     


xe nato disgrazià:
vignendo zo
'l ga ribaltà.
Boona de Dio
ch' Jera giorno de lavor, lavor
e drento no ghe iera
che ‘l povero frenador!

E come la bora che vien e che va,
i disi che ‘l mondo se ga ribaltà!
E come la bora che vien e che va, che vien e che va,
i disi che ‘l mondo, i disi che ‘l mondo
se ga ribaltà!

la Francia ga bon vin,
Trieste tute de morbin, carbon ga l'Inghiltera,
la Rusia ga cavial, cavial
e l'Austria ga capuzi che no se pol magnar!

E come la bora che vien e che va,
i disi che ‘l mondo se ga ribaltà!
E come la bora che vien e che va, che vien e che va,
i disi che ‘l mondo, i disi che ‘l mondo
se ga ribaltà!

...te mate pe’ l’ capèl,
le zerca de...
che bel putel; ma co le ‘riva a casa
se senti un gran bordel,
bordel
e pare, mare e fia
copa i zimisi col martel!

E come la bora che vien e che va,
i disi che ‘l mondo se ga ribaltà!
E come la bora che vien e che va, che vien e che va,
i disi che ‘l

mondo, i disi che ‘l
mondo se ga ribaltà!
Ribaltà!